23.09.15 - Beni temporaneamente movimentati all'interno della UE

   A seguito delle modifiche dell'art. 13 della Legge europea 2014 (L. 115/2015) alla disciplina dell'IVA intracomunitaria, dal 18 agosto scorso costituiscono:
- cessioni intracomunitarie "assimilate" le movimentazioni di beni dall'Italia ad un altro Stato della Ue, oggetto di perizie, operazioni di perfezionamento e manipolazioni usuali in tale Stato se, dopo la lavorazione, i beni non sono rispediti al committente nel territorio dello Stato italiano;
- acquisti intracomunitari "assimilati" le movimentazioni di beni da uno Stato Ue verso l'Italia per essere lavorati se, al termine della lavorazione, i beni non fanno ritorno nello Stato del committente.
 
Nell'ipotesi descritta, per quanto riguarda le cessioni, il fornitore nazionale è tenuto a fatturare l'invio della merce all'estero in regime di non imponibilità IVA ex art. 41 co. 2 lett. c) del DPR 633/72 e, di conseguenza, a registrarsi ai fini IVA nello Stato di destinazione dei beni per rilevare il corrispondente acquisto intracomunitario in tale Stato, nonché per fatturare la cessione dei beni al cliente finale.


Torna alla pagina news
Associazione professionale con partita Iva n. 02300610462 iscritta all'ODCEC di Lucca
Pec delgrande.ninci@legalmail.it   |   Privacy - Cookie - Tagmap